Toscana, Fedagripesca: agroalimentare a rischio per caro energia e materie prime

Toscana, Fedagripesca: agroalimentare a rischio per caro energia e materie prime

venerdì 15 aprile 2022

L'allarme della Federazione regionale nel corso dell'assemblea odierna: serve dialogo con la Pa per infrastrutture, burocrazia e risorse

Toscana, Fedagripesca: agroalimentare a rischio per caro energia e materie prime

«La cooperazione agricola e della pesca è di fronte a un altro momento di grande emergenza a causa dell’enorme aumento dei costi energetici e delle materie prime, iniziato ancor prima della crisi legata alla guerra in Ucraina e senza prospettive di risoluzione a breve termine. Uno scenario che mette a rischio la continuità aziendale di molte cooperative toscane, per il quale chiediamo massimo sostegno alle istituzioni».

A dirlo è stato il presidente di Confcooperative Fedagripesca Toscana, Fabrizio Tistarelli, durante l’assemblea generale della federazione nella Sala Convegni della Società Consortile Agricola Legnaia a Firenze.

All’evento erano presenti l’assessore regionale all’agricoltura Stefania Saccardi; Barbara Lombardini, assessora con deleghe ad agricoltura, ambiente e verde pubblico del Comune di Scandicci; Federico Gianassi, assessore al commercio e attività produttive del Comune di Firenze e Vito Sciancalepore, direttore di Confcooperative Fedagripesca. 

«La cooperazione è fondamentale per uscire fuori da questa emergenza – prosegue Tistarelli – così come il dialogo e la collaborazione con le istituzioni. Chiediamo che vengano trovate quanto prima delle soluzioni-tampone, vagliando tutte le modalità di sostegno pubblico, oltre che un intervento sui prezzi di vendita così da dare reddito alla produzione di qualità».

«Il freno psicologico agli acquisti è parte dell’eredità della crisi – aggiunge –, in diversi comparti come quello agricolo, vitivinicolo o dell’ovicoltura si assiste a un preoccupante calo delle vendite e a una tendenza del consumatore a scegliere prodotti di qualità a costo sempre più basso, mentre per le nostre cooperative crescono i costi a fronte di invariati ricavi dovuti al mantenimento dei prezzi al consumatore nella grande distribuzione».

«Lo stesso avviene nel comparto zootecnico, che sta vivendo un periodo critico senza precedenti dovuto all’incremento dei costi delle materie prime, specie di alimentazione del bestiame, e del basso prezzo del latte alla stalla: è alto il rischio che molti produttori locali lascino l’attività per insostenibilità» va avanti il presidente di Confcooperative Fedagripesca Toscana.

La collaborazione con le pubbliche amministrazioni e la Regione è indispensabile anche per portare a termine le infrastrutture che permetterebbero condizioni di lavoro migliori. È il caso della pesca: «Si deve dare un avvio concreto agli interventi già previsti, come la laguna di Orbetello – spiega Tistarelli – e prevederne altri, strutturali, nelle acque toscane, come nuovi impianti energetici, in grado di risollevare le nostre cooperative di pesca ecologicamente sostenibile, penalizzate dalle limitazioni ambientali. Infine – conclude – ci sarà da affrontare l’ormai annoso problema degli ungulati, che hanno causato la chiusura di diverse aziende agricole e all’abbandono di territori che invece potrebbero essere rimessi a reddito e agire da presidio ambientale».

  Laura Viviani

Riproduzione riservata ©
230

Territorio