Fedagripesca: “Serve un nuovo patto tra Ue e produttori per salvare il mare e la pesca”

Fedagripesca: “Serve un nuovo patto tra Ue e produttori per salvare il mare e la pesca”

martedì 25 giugno 2024

A chiederlo il vicepresidente Paolo Tiozzo

Fedagripesca: “Serve un nuovo patto tra Ue e produttori per salvare il mare e la pesca”

Occorre un nuovo patto tra Unione europea e i produttori ittici per salvare il mare e la pesca. A chiederlo è il vicepresidente di Confcooperative Fedagripesca Paolo Tiozzo nell’apprezzare l’intervento del sottosegretario Masaf D’Eramo in occasione del Consiglio Agrifish in svolgimento in Lussemburgo. Secondo Tiozzo “Occorre ripensare l’approccio alla gestione della pesca affinché gli sforzi fatti fin qui siano efficaci senza addossare alle cooperative ed alle imprese una responsabilità che sono stanche di avere. Per questo è importante rivedere anche la politica strutturale per consentire interventi a favore di una flotta troppo vecchia, con una età media dei pescherecci di 31 anni, che non riesce sempre a garantire sicurezza e che necessita di innovare anche per ridurre emissioni e consumi”. Per l’associazione demonizzare alcuni mestieri di pesca, come lo strascico, non è la strada giusta. Così come serve una maggiore attenzione per la pesca artigianale. “Per evitare che la pesca perda i suoi protagonisti, ovvero i pescatori, occorre cambiare rotta. Nell’ultimo decennio il settore ha visto fuoriuscire il 16% dei pescatori imbarcati che oggi sono circa 22 mila, di cui circa 19.000 a tempo pieno, a fronte dei 30 mila di dieci anni fa, mentre quelli che operano a terra sono oltre 100 mila, per un totale che si aggira attorno ai 125 mila lavoratori escluso l’indotto”, conclude Tiozzo.

  Alessandra Fabri

Riproduzione riservata ©
99

Territorio