Transizione digitale, Confcooperative Emilia Romagna nuovo socio della fondazione IFAB

Transizione digitale, Confcooperative Emilia Romagna nuovo socio della fondazione IFAB

martedì 21 febbraio 2023

Il presidente regionale di Confcooperative, Milza: «Il nostro impegno per una transizione digitale inclusiva e sostenibile, opportunità di Big Data e Intelligenza Artificiale per tutte le Pmi»

Transizione digitale, Confcooperative Emilia Romagna nuovo socio della fondazione IFAB

Supportare le imprese nel ricorso alle nuove tecnologie per una transizione digitale inclusiva e sostenibile, che non lasci indietro nessuno. È questo l’obiettivo che ha spinto Confcooperative Emilia Romagna a diventare socio di IFAB, la Fondazione su Intelligenza Artificiale e Big Data promossa dalla Regione per favorire una maggiore connessione tra le aziende del territorio e l’ecosistema che ruota attorno al Tecnopolo di Bologna, a partire dal Centro Nazionale di Ricerca in High Performance Computing, Big Data e Quantum Computing, e dal Cineca che gestisce il supercomputer Leonardo. 

Espressione delle Unioni territoriali che raggruppano un sistema di oltre 1.500 cooperative con 234.000 soci, 86.000 addetti e un volume d’affari di quasi 14 miliardi di euro, Confcooperative Emilia Romagna è il sindacato di impresa intersettoriale che rappresenta a livello regionale la Confederazione Cooperative Italiane (la principale Associazione del movimento cooperativo fondata nel 1919) ed è presente nei territori con una capillare rete di servizi. Aderisce a Confcooperative Emilia Romagna anche la Federazione regionale delle Bcc che riunisce 9 Banche di Credito Cooperativo con 145.000 soci, 2.810 dipendenti, 350 filiali e una raccolta pari a 16,6 miliardi di euro.

«Abbiamo aderito con convinzione a IFAB per consentire a tutte le nostre imprese, da quelle più grandi alle PMI fino alle micro, di accedere alle opportunità messe in campo dall’innovazione tecnologica, in particolare nell’ambito Big Data e Intelligenza Artificiale – dichiara Francesco Milza, Presidente di Confcooperative Emilia Romagna -. Vogliamo accompagnare il sistema cooperativo regionale nella transizione digitale ormai imprescindibile per lo sviluppo, consapevoli che a noi spetti innanzitutto il compito di rendere questo processo sostenibile e inclusivo affinché non sia lasciato indietro nessuno, nel pieno rispetto del principio mutualistico che anima la cooperazione e che può trovare nuova linfa proprio in ambito digitale. Riteniamo infatti che il modello dell’impresa cooperativa, rinnovato e adattato ai nuovi scenari tecnologici, possa consentire di intercettare un mercato di beni e servizi in profonda trasformazione senza al contempo aumentare le disuguaglianze economiche e sociali, anzi riducendole».

“Diventando socio IFAB, Confcooperative Emilia Romagna, avrà l’opportunità di entrare nel sistema di innovazione che connette le imprese al Centro Nazionale HPC e al Tecnopolo di Bologna, che mette a disposizione del tessuto economico le capacità di calcolo offerte dal supercomputer Leonardo. Potrà, quindi, accelerare la realizzazione di progetti per lo sviluppo territoriale, nel campo dei servizi alle cooperative associate. IFAB potrà anche supportare le capacità di adattamento e di evoluzione delle cooperative associate in termini di aggiornamento, supporto e formazione”, spiega Marco Becca, Direttore di IFAB.

  Laura Viviani

Riproduzione riservata ©
64

Federazioni