Digital innovation, la cooperativa reggiana Flash Battery finalista al Bauma Innovation Award 2022

Digital innovation, la cooperativa reggiana Flash Battery finalista al Bauma Innovation Award 2022

giovedì 4 agosto 2022

Unica azienda italiana candidata al premio, nella categoria digitalizzazione, alla grande rassegna in programma a Monaco di Baviera

Digital innovation, la cooperativa reggiana Flash Battery finalista al Bauma Innovation Award 2022

Flash Battery, cooperativa reggiana tra i leader europei nella produzione di batterie al litio per macchine industriali e veicoli elettrici , presenterà al Bauma, in programma dal 24 al 30 ottobre a Monaco di Baviera, il software “Flash Data Center 4.0”, il sistema di controllo dati automatico e real-time che sfrutta l’intelligenza artificiale.

Quella di Flash Battery non sarà però una semplice partecipazione alla più grande rassegna internazionale di macchine e materiali del settore delle costruzioni. L’azienda, infatti, è tra i finalisti del “Bauma Innovation Award 2022” per la categoria “Digitalizzazione”, unica azienda italiana selezionata dalla giuria tra quanti si contenderanno il prestigioso riconoscimento.

“Una grande soddisfazione – sottolinea Marco Righi (foto), CEO dell’azienda che ha sede a Sant’Ilario d’Enza e conta poco meno di 70 dipendenti, il 30% dei quali impegnati nell’ambito della ricerca e innovazione – per il riconoscimento che va oltre la mera qualità delle nostre batterie, ma si sofferma su  tutto ciò che ad esse si lega in termini di affidabilità, analisi avanzate e predittive dei big data relativi ai sistemi batteria, controlli e miglioramento costante delle performances che i clienti possono concretamente misurare e controllare in autonomia.”

“In sostanza – spiega Righi - Il Flash Data Center 4.0 è un sistema che apprende e migliora le performance in base ai dati che vengono analizzati, e i produttori di sistemi e componenti e i clienti finali di Flash Battery hanno la possibilità di effettuare analisi avanzate e predittive dei big data relativi ai loro sistemi batteria in tempo reale, grazie al supporto avanzato delle tecnologie di Machine Learning e intelligenza artificiale”.

“Il Flash Data Center 4.0 – prosegue il Ceo di Flash Battery, che ha chiuso il 2021 con un fatturato di 17,3 milioni, in incremento del 25%, e una contemporanea crescita dell’occupazione del 16% -  è stato fin da subito pensato con l’obiettivo di garantire una manutenzione predittiva e una pianificazione avanzata degli interventi di manutenzione straordinaria, evitando costosi fermi macchina che si tradurrebbero in sprechi di denaro e di tempo. Allo stesso tempo, il sistema consente al cliente di gestire autonomamente il “fine vita” degli impianti, grazie alla disponibilità di un accurato sistema di controllo dello stato di salute della batteria”.

“In questo modo – osserva il CEO di Flash Battery – è possibile pianificare in maniera sostenibile la sostituzione di batterie a fine vita per intere flotte, ottimizzando e riducendo i costi di smaltimento e migliorando l’efficienza del processo di ri-uso delle componenti grazie alla blockchain relativa ai componenti”.

“La manutenzione predittiva come la intendiamo nel Flash Data Center 4.0 – conclude Righi - è un vantaggio improntante non solo per il fine vita delle batterie, ma anche per tutti quegli eventi di manutenzione straordinaria che richiedono un intervento in loco, consentendo una programmazione che, anche in questo caso, consente di ridurre tempi e costi”.

E’ dunque questo sistema articolato che guarda a prestazioni, sicurezza, costi ed autonomia gestionale che la giuria, in attesa delle intense giornate del Bauma di fine ottobre, ha già selezionato tra i finalisti del “Bauma Innovation Award 2022”.

  Francesco Agresti

Riproduzione riservata ©
51

Federazioni