Settimane sociali, il riscatto del Sud passa dalle cooperative, le storie di Oltre l'Arte e Trame di Quartiere

Settimane sociali, il riscatto del Sud passa dalle cooperative, le storie di Oltre l'Arte e Trame di Quartiere

giovedì 4 luglio 2024

Presentate al presidente Mattarella e al cardinale Zuppi le esperienze delle due cooperative sociali che sono riuscite a promuovere sviluppo sociale ed economico in Basilicata e Sicilia

Settimane sociali, il riscatto del Sud passa dalle cooperative, le storie di Oltre l'Arte e Trame di Quartiere

Storie di cooperazione e di riscatto con il Sud protagonista. In Basilicata, dove grazie al Progetto Policoro sono nate imprese che valorizzano i beni culturali promuovendo occupazione, e in Sicilia, dove il rilancio di un quartiere passa anche dalla riqualificazione di un edificio abbandonato in un’area finita nelle mani della criminalità.

Nel corso delle Settimane sociali dei cattolici a Trieste le due esperienze cooperative sono state raccontate alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al presidente della Cei, il cardinale Matteo Zuppi.

La cooperativa sociale Oltre l’Arte è nata nel luglio del 2008 nell’ambito del Progetto Policoro promosso dalla CEI dal desiderio di alcuni giovani di garantire servizi qualificati erogati da personale specializzato, favorendo l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati e promovendo le risorse territoriali nelle loro peculiarità storiche, culturali, naturali e religiose.

“Oggi – ha raccontato il presidente Simone Ferraiuolo – a distanza di 16 anni dalla sua costituzione, “Oltre l’Arte” è una realtà imprenditoriale che garantisce lavoro a 110 persone Sulla scorta della nostra esperienza di giovani del Sud, possiamo testimoniare che è possibile sfidare la logica della rassegnazione, creare lavoro a partire dalla valorizzazione dei giovani e dalle vocazioni di un territorio, contribuire allo sviluppo economico di una comunità ed essere generativi di democrazia, di speranza e di futuro per il Paese. “Occorre investire nell’intelligenza e nel cuore delle persone”

Intelligenza e cuore sono stati alla base del progetto della nascita della cooperativa sociale di comunità Trame di Quartiere a San Berillo, zona difficile nel centro storico di Catania.

L’unico modo per interrompere una spirale di declino era dare un segnale forte di speranza. “Così – ha raccontato a Trieste la presidente Carla Barbanti -  riusciamo nell’impresa di ristrutturare un palazzo ottocentesco, grazie a un proprietario che decide di lasciarcelo in comodato d’uso, grazie a soggetti finanziatori come Fondazione Con il Sud". Nel 2020 Confcooperative Sicilia nasce la cooperativa sociale di comunità e viene realizzato a un intervento di housing sociale che ha trasformato lo storico Palazzo de Gaetani in uno spazio aperto al quartiere e alla città. "Oggi - aggiunge Barbanti - ospita al primo piano due appartamenti, nel primo abitano 9 persone di nazionalità differenti (italiana, nigeriana, gambiana) e nell'altro una famiglia nigeriana. Persone che non sono riuscite a trovare casa a Catania e che vengono supportate per un anno a trovare un lavoro regolare e una casa con contratto di affitto. Abbiamo inoltre una caffetteria sociale con servizi di prossimità, un luogo dove trovare ascolto e essere informato sugli sportelli presenti nello spazio e in città (legali, sanitari, per ricerca casa, etc.), dove incontrare persone, costruire reti che possano amplificare le possibilità di crearsi un futuro, ma anche condividere momenti di scambio culturale, divertimento, spensieratezza, passione. Nel nostro spazio vengono progettate e ospitate molte iniziative culturali anche in collaborazione con gli abitanti del quartiere, che offrono preziose possibilità di incontro con l’altro ed espressione di identità.

 

  Francesco Agresti

Riproduzione riservata ©
155

Territorio

Federazioni